I MERCENARI 3 – Perché non c’è Bruce Willis?

I Mercenari 3

La prima scena è piena di sparatorie ed esplosioni in cui il team dei mercenari (sempre quello: Stallone, Statham, Lundgren, Couture, Crews) libera dalle catene della prigione Wesley Snipes che ho tanto amato per Blade (primo film realizzato con la Marvel) e che finalmente rivedo in scena dopo i veri tre anni di carcere che ha scontato per evasione fiscale.

Stallone come fosse un atto di generosità e di amicizia gli ha dato subito la possibilità di tornare al lavoro, offrendogli la partecipazione al cast di questo terzo capitolo dei mercenari.

A proposito di cast, a differenza dei primi due capitoli, in questo non c’è Bruce Willis perchè non gli hanno voluto dare i 4 milioni che pretendeva per la sua partecipazione. La produzione, cioè Stallone, non era disposto a salire oltre i tre milioni e così è saltato tutto. E’ strano comunque che Willis, nonostante l’amicizia con Sly e Schwarzy che l’ha portato a recitare gratis nel primo film, si sia così fissato su quel milione di dollari. Il vero motivo secondo me è un altro, magari gli sta antipatico Mel Gibson…

Il film continua e Terry Crews, che spara solo con fucili e mitragliatrici che pesano almeno 50 chili, viene ferito gravemente dal cattivo, Mel Gibson, e la missione fallisce miseramente. Stallone, segnato nel profondo da quanto successo al suo caro amico, decide di chiudere l’esperienza dei mercenari, liquida i suoi compagni e organizza con un nuovo team la vendetta.

Le scene d’azione mi hanno un po’ deluso. Data la gloriosità del cast mi aspettavo scene d’azione epiche tipo quelle di Justin Lin nell’ultimo Fast and Furious oppure l’azione creativa di Joe Carnahan nel film dell’A-team.

Nei mercenari 3 l’azione c’è ma è un po’ monotona, a differenza del secondo capitolo dove oltre ad un po’ di corpo a corpo, inseguimenti e sparatorie è stato divertente anche riconoscere tutte le autocitazioni dei protagonisti.

Per la prima volta nella storia vedo Schwarzenegger brutto, con una barba incolta che lo rende irriconoscibile e si limita a uccidere i cattivi semplicemente premendo il grilletto di una mitragliatrice senza nemmeno regalarci una sua battuta epica tipo “Sono tornato!”

Wesley Snipes non ci fa vedere nemmeno una mossa di arti marziali e nemmeno Statham per non parlare poi di Jet Li che viene inserito nel cast ordinario ma appare nel film per 5 minuti. Il massimo dell’azione che ci regala Harrison Ford è guidare un elicottero e poi c’è Antonio Banderas, l’elemento comico del film, parla tanto, troppo, ed ogni volta che tocca a lui parte in sotto fondo la musica caliente latinoamerica. E’ lui il vero motivo per cui la mia ragazza ha accettato di seguirmi al cinema, pare che lo consideri un sex symbol ed era stufa di vederlo parlare con Rosita.

Mel Gibson, apparte qualche pugno nella scena finale con Stallone, non fa altro che parlare e organizzare la conquista del mondo. Il suo personaggio e la sua interpretazione mi sembrano identiche a quella che ha tenuto in Machete Kills. In fondo da lui me lo aspettavo, Gibson non è mai stato veramente un uomo d’azione come il resto del cast, sono un grande fan di “Arma Letale”, ma è più un poliziesco che un film d’azione.

Alla fine del film, mi sento un po’ deluso, come dopo aver visto Rambo 4, stessa sensazione di delusione. Stallone perde colpi, non tanto per il fisico ma per le sue qualità come regista. Anche Schwarznegger sembra che stia cadendo, il suo ultimo film Sabotage che uscirà in Italia il prossimo novembre pare che  abbia raggiunto un livello di incassi al di sotto della sua media.

Nonostante tutte queste critiche è un bel film, un bel “entertainment” che tutti gli appassionati del genere d’azione e tutti i fan (di uno qualsiasi dell’enorme e imponente cast) non devono perdere. La mia delusione è dovuta al fatto che mi ero creato delle aspettatve troppo alte, ma in fondo il protagonista e ideatore del film ha quasi 70 anni e il suo obiettivo non era certo quello di creare nuovi miti del cinema d’azione, ma forse solo far vedere che ha ancora voglia di fare.

(E comunque la mancata partecipazione di Bruce Willis, per motivi che non riesco a comprendere, mi ha messo in una condizione di scetticismo ingiusto che questo film in realtà non merita.)

Annunci

2 thoughts on “I MERCENARI 3 – Perché non c’è Bruce Willis?

  1. The Oldman 15 dicembre 2014 / 0:10

    Ciao Francesco. Ho cliccato qualcosa su facebook e sono arrivato qui. Ti lascio la mia sensazione dopo aver visto il film la settimana scorsa. Al terzo episodio sono tutti stanchi e questi film d’azione con vecchie glorie non tengono il passo di nuovi prodotti. A salvarsi è l’unico attore che recita, Mel Gibson, ma è singolare il fatto che oramai è da anni fuori dai giochi e, come un cagnolino, non gli rimane che raccogliere le briciole che cadono dal tavolo dei padroni… ma ho da proporti qualcosa di un po’ meno action ma più adrenalinico https://www.youtube.com/watch?v=c2nnAvBnvek

    • Francesco Aiello 15 dicembre 2014 / 13:32

      Ehi Oldman! Bellissimo American Sniper di Clint Eastwood, l’avevo già da qualche giorno inserito nella lista dei film da non perdere nel 2015, mi incuriosisce parecchio.

Commenta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...